Domenica, 29 Maggio 2022

Brianza NEWS

M5S , ancora liti e giri di poltrone ==Draghi in Pole position per Finlandia e Svezia ==Non tutti gli Italiani vogliono armi per Ucraina == UE: La Crisi dell'UNIONE è a Brusseles=

Guerra o Pace ??

venerdì, 15 aprile 2022


La Guerra che si combatte anche a Pasqua .

LA GUERRA CHE SI COMBATTE ANCHE A PASQUA  

BRIANZA NEWS  

 

A CURA DI EMANUELA RIDDINGTON  

  

In questi giorni in cui atrocità d’ogni genere in Ucraina  accompagnano i nostri pasti, balzando fuori dal televisore o inondando le prime pagine dei quotidiani, i nostri tablet e cellulari, sicuramente ci siamo chiesti: “Perché? Com’è possibile?” Le altre volte, mi riferisco ad altre guerre, più lontane (?),non avevamo visto che qualche rapido servizio di un inviato speciale; una cosa veloce; ora c’è una vera e propria presa diretta prolungata che ci permette di considerare ogni aspetto e ogni brutalità. Eppure di guerre ve ne sono state e ce ne sono tante: Se le cose le ‘vediamo’ sono vere; se non le vediamo, semplicemente non ci sono o non sono rilevanti e non toccano il cuore. L’attuale conflitto russo-ucraino è spaventoso, fa cadere i veli su ciò che l’uomo è capace di fare al suo simile; l’uomo sembra non cambiare mai, per questo ci interroghiamo con angoscia e apprensione. Mi sono venute in mente le parole di un grande poeta italiano, premio Nobel per la letteratura, Salvatore Quasimodo, in una sua nota poesia:  

Sei ancora quello della pietra e della fionda,
uomo del mio tempo. Eri nella carlinga,
con le ali maligne, le meridiane di morte,
t’ho visto – dentro il carro di fuoco, alle forche,
alle ruote di tortura. T’ho visto: eri tu,
con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio,
senza amore, senza Cristo. Hai ucciso ancora,
come sempre, come uccisero i padri, come uccisero
gli animali che ti videro per la prima volta.
E questo sangue odora come nel giorno
Quando il fratello disse all’altro fratello:
«Andiamo ai campi». E quell’eco fredda, tenace,
è giunta fino a te, dentro la tua giornata.
Dimenticate, o figli, le nuvole di sangue
Salite dalla terra, dimenticate i padri:
le loro tombe affondano nella cenere,
gli uccelli neri, il vento, coprono il loro cuore.
(Salvatore Quasimodo, Uomo del mio tempo, in: Giorno dopo giorno,1947).  

 È un’amara riflessione su come scienza e tecnica non sono in grado di migliorare il comportamento umano. Il progresso tecnico-scientifico ha reso tutto più facile e moderno, ma gli uomini continuano a far guerra come facevano un tempo, quando si usavano la pietra e la fionda. L’uomo ha mantenuto una mentalità da cavernicolo, nonostante le armi e le tecnologie sofisticate: “T’ho visto: eri tu, con la tua scienza esatta persuasa allo sterminio, senza amore, senza Cristo! ”Ma come potrebbero scienza e tecnica curare, guarire il cuore dell’uomo!  

 È mia profonda convinzione ed è il filo conduttore della Bibbia e del pensiero cristiano, che la guerra origina dal cuore dell’uomo. È l’uomo che uccide, e non la pietra o la fionda e neppure le sue armi più sofisticate! L’origine dei conflitti è nella sregolatezza del cuore, della coscienza: “Allorché essa chiama bene o male ciò che intende scegliere in base ai suoi interessi materiali o alla sua volontà di potenza. La stessa complessità dell’esercizio del potere non impedisce che vi sia sempre una responsabilità della coscienza individuale nella preparazione, nello scatenamento o nell’estensione di un conflitto”. Sono parole di san Giovanni Paolo II scritte nel 1984 nel Messaggio per la XVII Giornata Mondiale della Pace, che continuano, profetiche, così: “Al di là dei sistemi ideologici propriamente detti, sono d’altra parte molteplici le passioni che sviano il cuore umano e lo spingono alla guerra. Per questa ragione, gli uomini possono lasciarsi trascinare fino a un senso di superiorità razziale e all’odio verso gli altri, o anche alla gelosia, alla brama della terra o delle risorse altrui o, in generale, alla volontà di potenza, all’orgoglio, al desiderio di estendere il proprio dominio su altri popoli, da essi disprezzati”.  

 La guerra nasce davvero nel cuore dell’uomo che pecca: nel cuore dell’uomo che si allontana da Dio e, per conseguenza, dal fratello: nella coscienza dell’uomo in cui la gelosia e la violenza si sono impadronite del suo cuore, come mostra con chiarezza la vicenda di Caino e Abele all’alba della storia umana: “Quando il fratello disse all’altro fratello: «Andiamo ai campi»”. Questa è la radice! Il ritorno alla pace sarà di breve durata e del tutto illusorio, se non ci sarà un vero cambiamento del cuore e delle coscienze. Tornando alle domande da cui siamo partiti: “Perché? Com’è possibile?”, possiamo dire che se gli attuali sistemi generati dall’uomo si rivelano incapaci di assicurare la pace significa che è il ‘cuore’ dell’uomo che deve essere rinnovato per rinnovare poi i sistemi, le istituzioni e i metodi. La fede cristiana ha una parola precisa per indicare il rinnovamento radicale del cuore: la ‘conversione’. Noi cristiani riconosciamo nel Cristo Risorto Colui che ha distrutto con il dono supremo di sé il peccato e offre all’uomo la vita nuova effondendo il suo Spirito, primo dono ai credenti: è la redenzione, è la salvezza! È il Risorto che fa nuove tutte le cose e rende nuovo il cuore dell’uomo. Accogliere il Risorto dopo averlo riconosciuto Vivente in mezzo a noi, immergerci nella sua morte e risurrezione, nell’avventura magnifica della Fede, è entrare nella vita nuova dei figli di Dio! Ogni scelta di ripudio del peccato produrrà un avanzamento nella costruzione della città della Pace. Se siamo ancora quelli della pietra e della fionda significa che il cuore non è convertito, Dio è lontano, Gesù Cristo un estraneo! Le strategie per la pace o partono da qui o non partono proprio.  

Dalla Redazione di Brianza News vi porgiamo i nostri più sinceri auguri per una Lieta Pasqua colma di speranza e pace  

Dott.ssa Emanuela Riddington