Mercoledì, 28 Settembre 2022

Brianza NEWS

= Missaglia : il Monastero riprende le attività insieme a Brianza Channel = Autodromo chiede scusa per i disservizi durante il GP =Russia : fuga dal reclutamento militare = FdI conquista la Vittoria =

H.S.Gerardo : Un giubbetto salvavita ..

venerdì, 18 marzo 2022


Nuovo dispositivo di avanguardia in anteprima in Italia ..

Il Reparto di  Cardiologia Clinica dell’Ospedale San Gerardo, guidata dalla dott.ssa Maddalena Lettino e il gruppo dell’Elettrofisiologia Interventistica con il responsabile dott. Giovanni Rovaris, hanno recentemente introdotto una tecnologia d’avanguardia a beneficio di una giovane puerpera di 20 anni, affetta da una grave forma di Cardiomiopatia Peripartum, ma con possibilità di recupero della funzione del cuore nel tempo. 
 
Si tratta del WCD, Wearable Cardioverter-Defibrillator, ossia un sistema di defibrillazione indossabile che proteggerà la paziente dal rischio di Morte cardiaca improvvisa, traghettandola con sicurezza verso una auspicabile guarigione, in attesa di una successiva rivalutazione del rischio di arresto cardiaco. Il dispositivo permetterà soprattutto di evitare l’impianto di un ICD endocavitario quando non strettamente indicato (Implantable Cardioverter-Defibrillator), un dispositivo che viene posizionato all’interno del cuore e che è in grado di ripristinare il ritmo attraverso l’erogazione di una scossa elettrica efficace, ancorché di intensità molto più bassa di quella di un defibrillatore esterno. “Ancora una volta – sottolinea il dott. Rovaris - la sinergia tra tecnologia e medicina risulta essere l’arma più efficace che abbiamo per cercare di migliorare la prognosi dei pazienti e nello stesso tempo preservarne la qualità di vita, in attesa di scoprire trattamenti sempre più innovativi ed efficaci, capaci come in questo caso di ridurre l’incidenza di una condizione così temibile per una giovane madre come quella della Morte cardiaca improvvisa”. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è definita come il decesso che avviene per cause cardiache, un’ora dall’insorgenza di sintomi che fanno sospettare la presenza di una grave patologia.